lunedì, 23 aprile 2018
Home > Entertainment > Youtube: 12 anni dopo

Youtube: 12 anni dopo

In occasione del dodicesimo anniversario di Youtube, sembra doveroso ripercorrere le tappe più importanti della storia di questo sito rivoluzionario. YouTube è una piattaforma web, fondata il 14 febbraio 2005, che consente la condivisione e visualizzazione in rete di video (video sharing). Gli utenti possono anche votare e commentare i video. Sul sito è possibile vedere il videoclip, trailer, video divertenti, notizie, slideshow ed altro ancora. Nel novembre 2006 è stato acquistato dall’azienda statunitense Google per circa 1,7 miliardi di dollari, ed è tutt’ora il secondo sito web più visitato del mondo, dietro solamente allo stesso Google.

Il primo video pubblicato su Youtube risale al lontano 23 aprile 2005. Il video, Me at the zoo, fu reso pubblico alle ore 20:27 dall’utente “jawed”, che tra l’altro risulta essere il primo youtuber della storia del sito.

A partire dal 2006, Youtube ha ottenuto un successo straordinario, tanto da essere, in base a dati statistici, il sito che ha presentato il maggior tasso di crescita nella propria storia decennale. Infatti, nel giugno 2006 il sito ha rilevato che quotidianamente venivano visualizzati in media 100 milioni di video, e che 65mila nuovi filmati venivano pubblicati ogni giorno.

Inoltre, a partire dal 2006, NBC, e nel 2008 altri tv Networks come MGM, Lions Gate Entertainment e CBS, permisero agli utenti registrati su Youtube di poter guadagnare dai video pubblicati, stringendo quindi una sorta di accordo compagnia-videomaker definito partnership. In questo modo, gli utenti del sito erano molto più spronati a pubblicare video e mantenere attivo il proprio canale, perché così potevano anche trarre un profitto economico da un’attività che a loro piaceva già fare. E la partnership, a cui aderì la stessa azienda di Youtube come partner nel maggio del 2007, è uno degli aspetti che attrae maggiormente le persone a diventare utenti.

Al giorno d’oggi, Youtube è un sito globale che riceve miliardi di visualizzazioni al giorno. I video spaziano dallo sport, all’intrattenimento e alla musica: riguardo la musica, Youtube ha concesso la possiblità, intorno al 2007, di poter condividere sul sito ogni video musicale mai creato, ovviamente sotto copyright. Per esempio, i video di canzoni di cantanti molto famosi, che raggiungono le centinaia di milioni di visualizzazioni,sono spesso sotto copyright del sito internet VEVO.

Come detto poc’anzi, Youtube fu fondato nel 2005, e oggi risulta essere molto diverso, per grafica, funzioni e contenuti. Questi ultimi in particolare, sono cambiati notevolmente negli ultimi anni: infatti nelle prime fasi, gli youtuber, in linea generale, non trattavano argomenti specifici, ma giravano video dal contenuto quasi casuale, come una passeggiata al parco, caricati in un secondo momento; gli youtuber di oggi invece sono in un certo senso molto più specializzati: si incentrano su una tematica in particolare, che riguarda nella maggior parte il gaming, i vlog o la critica, suddividendo il proprio canale in specifiche “serie” a seconda dei contenuti dei video.

I vlog, ovvero dei video in cui si risponde alle domande degli iscritti e si parla in generale della propria vita, erano già alla portata di molti youtuber diversi anni fa, così come i video-critica. Il gaming, che consiste nell’intrattenere il proprio pubblico con dei gameplay su videogiochi,  invece, si sviluppa a partire dalla fine del 2011 e l’ inizio del 2012. La motivazione che ne determinò lo sviluppo è riconducibile allo stesso sviluppo della tecnologia: infatti la produzione di computer più prestazionali ed il miglioramento delle linee internet, rese sempre più accessibili agli youtuber questi strumenti, a tal punto da considerare l’idea di introdurre nei propri canali dei video o delle serie incentrati proprio su questa tematica.

La maggior parte dei canali youtube esistenti è incentrata sul gaming, ed in particolare, nell’ultimo periodo, sul mobile gaming, ovvero su gameplay su giochi per cellulare. La diffusione di questa tipologia di intrattenimento nasce in concomitanza alla crescente vendita di smartphone molto prestazionali, con i quali si possono scaricare giochi da degli store (play store o app store) gratuitamente. I giochi per cellulare più trattati in assoluto sono stati Clash of Clans, Subway Surfers, Candy Crush, Clash Royale ed altri, e tale successo è determinato dal fatto che, come detto prima, lo youtuber non deve effettuare alcun investimento per portare tali contenuti sul canale, se non il costo stesso dello smartphone; inoltre, sempre da questi store è possibile scaricare gratuitamente dei programmi di registrazione del telefono. Quindi, in conclusione, questi contenuti sono accessibili praticamente a tutti.

Per concludere, Youtube oggi è una realtà globale senza precedenti: esistono milioni di canali, miliardi di video e qualunque genere di notizia è reperibile. C’è chi ritiene che Youtube non faccia per tutti, altri che rimpiangono il sito per come era qualche anno fa, ed altri ancora che lo criticano per l’incredibile affluenza di utenti, spesso disinformati ed incapaci, che si è avuta negli ultimi tempi; ma in fondo, al di là delle opinioni e dei punti di vista, ciò che rimane evidente ed innegabile è Youtube stesso, che oggi si configura come una realtà necessaria ed indispensabile per la trasmissione di informazioni e condivisione di opinioni, che sono dei punti fondamentali per lo sviluppo ed il mantenimento di una società globalizzata come la nostra.

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"