giovedì, 24 maggio 2018
Home > Attualità > Accade in Italia > Valentino Rossi al suo diciottesimo mondiale di MotoGp

Valentino Rossi al suo diciottesimo mondiale di MotoGp

Contro il parere di molti sfiduciosi, Valentino Rossi ribadisce: correrà il suo diciottesimo mondiale di MotoGp. Accanto a lui, con la nuova Yamaha YZR-M1, ci sarà Maverick Viñales, che ha firmato per altri due anni in Yamaha. Nonostante l’età e i pareri discordanti, Rossi è deciso sull’imminente futuro: “Più o meno è sempre la stessa cosa quando si riparte.  Per me molto dipende da come ti senti, dalle motivazioni, se ancora ti piace guidare la moto. Dovremo lavorare sodo, siamo reduci da una stagione che non è stata il massimo, possiamo e dobbiamo fare meglio.”

Il dottore è quindi convinto e determinato, alla ricerca di un mondiale che manca da tanto ma che potrebbe avere dell’incredibile, qualora arrivasse. In effetti, Rossi aveva condotto un’ottima stagione nel 2017, fino allo sfortunato infortunio che lo ha coinvolto lo scorso settembre: “L’infortunio di settembre è arrivato in un brutto momento della stagione. Quando fai questo lavoro la cosa più importante però è tornare presto in sella e grazie alla carica dei tifosi sono riuscito a fare un grande recupero. Quest’anno dovrò stare più attento alla sicurezza anche in allenamento, cercando di gestirli al meglio”.

Comunque, non solo Rossi, ma anche tutta la scuderia avverte un certo fermento riguardo l’inizio della nuova stagione. Come ha detto il direttore generale della divisione Motorsport della Yamaha Kouichi Tsuji, “quest’anno abbiamo tre obiettivi: lo sviluppo di nuove tecnologie per diversi prodotti, far conoscere il marchio Yamaha nel mondo ancora di più e sviluppare la moto. La 500esima vittoria del 2017 è stato un risultato straordinario, ma resta solo una statistica. Quest’anno abbiamo solo un obiettivo: il titolo Mondiale. Lavoriamo sodo ogni giorno per avere una moto migliore”.

Infine, a proposito del nuovo campionato mondiale ha parlato anche Mario Meregalli, team principal della Yamaha: “Se riusciremo ad essere più costanti per entrambi i piloti possiamo lottare per il titolo. Ho visto i piloti, sono molto tranquilli, pronti per affrontare il Mondiale, freschi fisicamente e tranquilli mentalmente. Gli ultimi test sono stati molto importanti, alla fine dei 5 giorni abbiamo potuto decidere la base della moto che Rossi e Vinales avranno nei prossimi test a Sepang. Lavoreremo soprattutto sull’elettronica – conclude Meregalli – L’anno scorso abbiamo sofferto molto nel degrado degli pneumatici, è uno dei punti principali in cui dovremo migliorare”.

 

 

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"