Tutti gli articoli

Saffo e I preferiti d’argento, capolavori del neoclassicismo inglese e olandese

John William Godward (Wimbledon, 9 agosto 1861 – Londra, 13 dicembre 1922) e Lawrence Alma-Tadema (Dronrijp, 8 gennaio 1836 – Wiesbaden, 25 giugno 1912) furono due pittori, esponenti del neoclassicismo. Entrambi, affascinati dall'antichità greca e romana, tentarono di trasmettere nelle loro opere un'immagine del bello ideale, un'attrazione spirituale intensa, la

CONTINUA A LEGGERE

Matera Capitale della Cultura Europea 2019: ab asperis ad astra

Così scrisse Carlo Levi, più di settant'anni fa, di Matera, città della Basilicata immersa nella suggestiva cornice dei suoi celeberrimi Sassi; una vera e propria perla del turismo italiano, che ha avuto un primo riconoscimento nel 1993, con la nomina a Patrimonio dell'Unesco. Più recentemente è stata proclamata Capitale della Cultura Europea del 2019,

CONTINUA A LEGGERE

“La memoria è un vaccino contro l’indifferenza”, Liliana Segre nominata senatrice a vita

Nel corso della storia essere un ebreo non è mai stato facile. Perseguitati sin dai tempi dell'Impero romano non hanno mai avuto un posto nel mondo. Lo sa bene Liliana Segre che a partire del 1938, anno dell'emanazione delle leggi razziali, si è vista togliere con forza una vita normale. Il

CONTINUA A LEGGERE

La moderna società dell’apparenza: risultato dell’esaltazione di modelli ed immagini irreali e dannose.

Le immagini hanno da sempre contraddistinto l'essere umano che, sin dall'antichità, ha cercato di riprodurre la propria figura ed il mondo circostante attraverso rupestri disegni: ciò testimonia la necessità di immagini, molto spesso intrinseche all'uomo stesso, che ne manifestano la maggiore capacità razionale: l'astrazione. L'uomo ha infatti bisogno di astrarre,

CONTINUA A LEGGERE

La pena di morte dal punto di vista filosofico e morale

La pena di morte, o pena capitale, è quel tipo di sanzione che viene applicata talvolta in caso di reati gravi in alcuni paesi del mondo. La pena capitale, prevedendo l'uccisione del condannato, non è ovviamente reversibile e quindi in caso di errore giudiziario può rappresentare una grandissima onta per

CONTINUA A LEGGERE

Omertà, una parola, un modo di essere… MAFIOSO

Fin dagli albori della criminalità organizzata in Italia, l'omertà è stata una parola che ha sempre indicato, non solo un concetto, ma un vero e proprio modello di comportamento adottato sia dai mafiosi che dalle persone che dovevano sottostare ai loro soprusi. L'etimologia stessa della parola è oscura così come oscuri

CONTINUA A LEGGERE

D’Avenia scrive per il sociale: la mafia e l’amore verso la legalità di Padre Pino Puglisi dal punto di vista di un adolescente

sono le parole che il giovane Federico, alunno di Padre Pino Puglisi, ricorda del suo prof di religione.   Federico ha diciassette  anni ed è un alunno modello del liceo classico Vittorio Emanuele di Palermo. La sua giornata tipo era caratterizzata solo dallo studio ma l'incontro con Don Pino gli cambierà la

CONTINUA A LEGGERE

Oriana Fallaci: una vita all’insegna della guerra

Il giornalismo italiano può prescindere da Oriana Fallaci (Firenze, 29 giugno 1929 - 15 settembre 2006)? Molto probabilmente no. Ancora oggi, a più di dieci anni dalla sua scomparsa, si continua a parlare di questa donna dalla forte personalità e dal grande talento di reporter e scrittrice, prova le venti milioni

CONTINUA A LEGGERE