domenica, 25 febbraio 2018
Home > Attualità > Terrorismo: la sua evoluzione

Terrorismo: la sua evoluzione

Per terrorismo si intendono tutte quelle azioni violente che suscitano paura nella gente, un esempio sono:attentati, stragi, omicidi,sequestri ecc… Tutte le organizzazioni, che si occupano di terrorismo, sono chiamate”organizzazioni terroristiche”e le persone “terroristi”. Nonostante le varie idee riguardo questo fenomeno, le nazioni unite hanno definito il terrorismo come l’insieme di  “fatti criminali diretti contro lo Stato in cui lo scopo è di provocare terrore nella popolazione o in gruppi di persone.”  Dal 2001 è stato dichiarato, dall’Unione europea, che gli attentati terroristici sono intenzionali, dunque sono classificati tra i reati, giacché  possono, fortemente, danneggiare lo stato e, inoltre sono commessi con il proposito di:

— intimidire seriamente la popolazione;

— costringere indebitamente i poteri pubblici o un’organizzazione internazionale a compiere o astenersi dal compiere un qualsiasi atto;

— destabilizzare gravemente o distruggere le strutture politiche, costituzionali, economiche o sociali fondamentali di un Paese o di un’organizzazione internazionale.

Il terrorismo, nella sua storia, ha colpito, per la prima volta, nel XIX secolo dal punto sociale e ideologico, poiché è da quel momento che viene usato per imporre una propria idea su un’ intera società. Tra il XIX e il XX, infatti, molti anarchici o patrioti che, attraverso attentati terroristici, rivendicavano un nuovo modello di società o cercavano di ottenere libertà e riconoscimento, al livello politico, per il loro popolo. Il terrorismo del XXI secolo ha inizio nel 2001, esattamente l’undici settembre, con la distruzione delle torri gemelle. La risposta, immancabile, degli Stati uniti è stata quella di guidare un’ azione militare in Afghanistan, in modo tale da mettere sotto il proprio controllo le zone dove si suppone la Qa’ida avesse base. Ma gli Stati Uniti, successivamente, dichiararono guerra all’Iraq, che però non aveva niente a che fare con la Qa’ida, ciò, infatti, trasformò un paese che mai era stato coinvolto in attentati terroristici, fino ad ora, in uno dei centri di organizzazioni terroristiche: gli attentati del 2004, a Madrid, e nel 2005, a Londra, hanno colpito capitali di stati partecipanti all’occupazione militare dell’Iraq. A partire dal 2014, invece, L’ISIS ha colpito,con i suo atti di terrorismo, la Turchia, la Tunisia e L’ Europa a Parigi, il 7-9 gennaio 2015 e il 13 novembre 2015, e a Bruxelles, il 22 marzo 2016

Gli attentati terroristici, però, non hanno come scopo finale quello di ferire/uccidere la gente, ma quello di modificare, qualche volta in modo radicale, lo status quo di un paese.

Molti si sono battuti contro il terrorismo: il nostro presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha dichiarato:

Il terrorismo, alimentato anche da fanatiche distorsioni della fede in Dio, sta cercando di introdurre nel Mediterraneo, in Medio Oriente, in Africa i germi di una Terza guerra mondiale. Sta alla nostra responsabilità fermarla. (Sergio Mattarella)Sergio Mattarella

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"