martedì, 13 novembre 2018
Home > Attualità > Accade in Italia > La trap italiana e i suoi maggiori artisti

La trap italiana e i suoi maggiori artisti

Tra i giovani sta spopolando un nuovo genere musicale ovvero la trap, uno stile nuovo e a dir poco innovativo che riprende alcune idee del rap. Ma adesso, scopriamo meglio le sue caratteristiche e i maggiori artisti italiani di questo genere.

Noto logo del beatmaker Sick Luke

I primi esempi di musica di questo tipo si trovano in U.S.A più o meno a partire dal 2009 la vera e propria carateristica di questo genere è l’utilizzo dell’autotune, solitamente il trapper (colui che canta la trap) parla di situazioni di vita nei quartieri, spesso in modo “brutale” e senza filtro. Tra i più importanti artisti italiani vediamo Salmo, Sfera Ebbasta, Capo Plaza, e per finire la Dark Polo Gang. Tuttavia prima di analizzare singolarmente questi artisti, dobbiamo necessariamente spiegare la figura del producer (o beatmaker). Il producer è colui che crea le basi delle nuove canzoni (tra i più famosi Charlie Charles e Sick Luke) un beatmaker è sempre affiancanto da un cantante (a meno che il cantante non sia egli stesso).

Salmo

Salmo, nome d’arte di Maurizio Pisciottu, prima di entrare nella scena della musica italiana ha militato in molte bande hardcore fino al 2011 quando produce il primo album da solista “the Island Chainsaw Massacre”. Da li in poi solo successi per l’artista portandolo più volte al prestigioso riconoscimento del disco d’oro per i suoi singoli tra cui “Estate dimmerda” e “Perdonami”.

Sfera Ebbasta 

Sfera Ebbasta nome d’arte di Gionata Boschetti inizia la propria attività musicale a partire dal 2011 caricando i primi video da youtube senza riscuotere alcun successo, fino a quando nel 2013 incontra Charlie Charles con il quale forma il collettivo Bilion Headz Money Gang (BHMG), iniziando così a scalare le classifiche musicali. I suoi brani più famosi sono tutti contenuti nei suoi album “XDVR” e “Sfera Ebbasta” mentre il 19/01/2018 uscirà il suo nuovo album chiamato “Rockstar”.

Capo Plaza

Capo plaza, nome d’arte di Luca D’orso nasce nel 1998 a Salerno. Si affaccia alla scena del trap nel 2013 con la publicazione di “Sto giù” il suo brano d’esordio. Spiccano varie collaborazioni con Sfera Ebbasta. Il 18 agosto 2016 esce “Nisida” e il talento non può passare inosservato infatti viene “reclutato” dalla etichetta “Sto Records” che decide di puntare su di lui, da quel momento la carriera di Capo Plaza subisce una vera e propria svolta  e dopo l’uscita di “Allenamento 1”, “Allenamento 2” e “Giovane Fuoriclasse” (tutti e tre premiati con il disco d’oro) l’interesse su questo ragazzo è notevolmente cresciuto.

Dark Polo Gang

La Dark Polo gang è un gruppo musicale trap nata a Roma nel 2014 è composta da: Tony Effe Wayne Santana, Dark Side e Dark Pyrex e il producer Sick Luke che può essere considerato il quinto membro del gruppo. Sono noti per essere arrivati alla luce della ribalta creandosi una propria etichetta discografica la “Triplosette Entertainment”. I quattro membri della DPG (Dark Polo Gang) amici di infanzia e cresciuti insieme nei quartieri benestanti di Roma, decidono di entrare nel mondo della musica solo quando il beatmaker Sick Luke (figlio del famoso rapper duke Montana) gli incoraggia a produrre seriamente brani. I lori più importanti successi sono racchiusi negli album “Crack Musica” “Fiori del Male” “Dark Album” “Twins” e infine il loro ultimo album uscito nel 2018 “Sick Side”.

 

 

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"