mercoledì, 12 Dic 2018
Home > Attualità > Accade in Italia > Ingerenza francese – Blitz a Bardonecchia

Ingerenza francese – Blitz a Bardonecchia

Nella serata di ieri, 30 Marzo, alcuni agenti della dogana francese hanno fatto un blitz in un centro migranti a Bordonecchia, paese al confine tra Italia e Francia, scortando un migrante che hanno poi costretto a fare l’esame delle urine, tutto questo dopo aver intimidito medici, mediatori e avvocati della Ong ” Rainbow4Africa “. Da subito le lamentele, prima dell’associazione e poi del sindaco, si sono fatte sentire e non sono mancate le risposte politiche a quello che si può profilare come un incidente diplomatico.

Non possono non mancare, infatti, le reazioni dei due partiti vincitori delle elezioni Movimento 5 Stelle e Lega, il primo chiede spiegazioni al governo francese mentre il segretario della Lega, Matteo Salvini, si lancia in una dura critica nei confronti dell’operato della dogana d’oltralpe, rivendicando, giustamente, il controllo esclusivo italiano sui confini italiani. Sulla scia dei primi due partiti anche Fratelli d’Italia mostra non poco disprezzo arrivando ad affermare per bocca della deputata Augusta Montaruli:

“Non assisteremo pure alla beffa di essere usati come la loro toilette, i campioni delle urine li prendano nei bagni francesi o ne segnalino la necessità alle nostre forze dell’ordine. “

Anche dalla sinistra arrivano le critiche, l’europarlamentare PD Daniele Viotti sottolinea come quanto successo sia “grave sul piano del rispetto dei diritti umani” e “inaccettabile dal punto di vista politico”. L’esponente dem ritiene che il blitz “è una intimidazione vera e propria e una provocazione”. E l’ex Presidente del Consiglio, Enrico Letta così riporta il suo commento su Twitter:

Irruzione polizia francese #Bardonecchia ennesimo errore su questione #migranti.Poi in Europa si stupiscono dell’esito elettorale in Italia!

Le conseguenze di quest’azione di ingerenza seppur supportata, a detta del ministro francese dei conti pubblici Darmanin da un accordo del ’90, sono per ora imprevedibili ma  non tarderanno ad arrivare, dopo debite spiegazioni da parte di Macron.

 

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"