domenica, 25 febbraio 2018
Home > Cultura > Il sogno lucido, un’esperienza fuori dal comune

Il sogno lucido, un’esperienza fuori dal comune

Sognare sapendo di stare sognando.Stephen LaBerge

Da sola questa definizione, data dallo psico-fisiologo Stephen LaBerge, ci permette di capire al meglio ed in maniera semplice cosa si intenda per sogno lucido (oppure onironautica); si intende, cioè, un fenomeno durante il quale il sognatore è cosciente di stare sognando. Infatti, normalmente, si guarda al sogno come ad una realtà strettamente legata alla vita di tutti i giorni ed alle leggi che la regolano, mentre, grazie all’esperienza del sogno lucido, noi stessi possiamo alterare quelle leggi e quelle convenzioni che nella realtà è impensabile modificare (leggi fisiche, ambienti, ecc…).

Ma come rendersi conto del fatto di stare sognando?

La risposta a questa domanda costituisce il cuore pulsante dell’intera esperienza del sogno lucido. Per prima cosa bisogna tenere un “diario dei sogni” in cui trascriverli non appena ci si sveglia, per individuare, di volta in volta, aspetti caratterizzanti dei nostri sogni. Contemporaneamente è necessario abituarsi, prima nella vita reale, ad eseguire i cosiddetti test di realtà, cioè semplici azioni mirate a rispondere alla domanda – “sto sognando?”.Alcuni esempi di questi test possono essere:

— Leggere – Nei sogni spesso le parole cambiano, non restano le stesse;

— Guardare l’orologio – Nei sogni l’ora su un orologio digitale non rimane la stessa se la si legge più volte di seguito;

— Guardarsi allo specchio –  Spesso nei sogni la propria immagine riflessa allo specchio è deformata o sostituita con qualcosa d’altro o, anche, può non apparire. Talvolta lo specchio è molto sporco e non specchia affatto;

— E molti altri (Respirare, Guardarsi le mani, Accendere la luce, ecc…).

 

Dopo aver fatto molta esperienza  con l’utilizzo del “diario”,  con i test di realtà e con una delle tante tecniche di induzione dei sogni lucidi si potrà finalmente averne uno, ma come classificarlo ?

I sogni lucidi si possono classificare in base a diversi aspetti: la vividezza, che indica quanto le sensazioni visive del sogno siano vicine a quelle della realtà; il controllo, che indica quanto si è in grado di modificare il sogno ed è quindi strettamente legato al grado di lucidità del sognatore; la percezione, che indica il grado di realismo di un sogno; la memoria, distinguibile in memoria reale e onirica.

I sogni lucidi, fin dalla loro teorizzazione, hanno sempre destato l’interesse di molte persone non solo per l’aspetto esclusivamente onirico, ma anche per i diversi benefici che ne derivano, ad esempio: esercitano il sognatore nella pratica del problem solving, infatti i problemi di tutti i giorni appaiono nei nostri sogni per tormentarci e riportare alla mente situazioni spiacevoli, i sogni lucidi ci permettono di ragionare sulla risoluzione dei nostri dilemmi personali, rendendo la mente più attiva; aumentano l’autostima del sognatore, permettendogli di affrontare al meglio lo stress; permettono di dormire meglio, grazie alla consapevolezza di aver utilizzato al meglio il tempo del sogno, e di superare alcune fobie o traumi.

I sogni lucidi sono un esempio di auto-aiuto.

Tuttavia come per tutte le cose belle vi è un rovescio della medaglia che, in questo caso, prende il nome di “falso risveglio”. Il falso risveglio, che rappresenta un normale sogno che inizia con il sognatore nel proprio letto, non è in sé l’aspetto negativo dei sogni lucidi  quanto il fatto di essere l’anticamera di un’esperienza molto angosciosa, ma fortunatamente breve, chiamata paralisi ipnagogica o paralisi del sonno. Infatti nel tentativo, del sognatore, di risvegliarsi veramente da un falso risveglio, il soggetto potrebbe ritrovarsi sveglio, lucido e cosciente ma con il corpo paralizzato; ciò è dovuto alla paralisi che tipicamente accompagna la fase REM al fine di non mimare i sogni.

 

 

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"