Il più grande della storia del basket – Lyceum
domenica, 19 agosto 2018
Home > Sport > Basket > Il più grande della storia del basket

Il più grande della storia del basket

Michael Jeffrey Jordan nasce il 17 febbraio 1963 nel quartiere di Brooklyn. Da piccolo non era un vero e proprio gigante ma all’età di 15 anni quasi da “un giorno all’altro” iniziò a crescere notevolmente.  Dopo aver vinto il premio Naismith College Player of the Year, il John R. Wooden Award e l’Adolph Rupp Trophy nel 1984 decide di lasciare con un anno di anticipo il college per dichiararsi eleggibile al Draft NBA 1984 (tornerà comunque all’università per conseguire la laurea nel 1986), dove viene selezionato dai Chicago Bulls come terza scelta assoluta, dietro Hakeem Olajuwon e Sam Bowie. Il 12 settembre 1984 i Bulls annunciano che Jordan ha firmato un contratto di 7 anni per 6 milioni di dollari, il terzo più alto nella storia dell’NBA.

Michael durante la sua immensa carriera si ritirò dal basket per dedicarsi al baseball (sport che tuttavia non era per lui) così torno coi Bulls nel 1995 complessivamente a livello di club e personale vinse: campionato NBA: 6 Chicago Bulls: 1991, 1992, 1993, 1996, 1997, 1998 Campionato NCAA: 1
University of North Carolina at Chapel Hill: 1982 Gold medal Oro olimpico: 2 Los Angeles 1984, Barcellona 1992 Gold medal america Giochi panamericani: 1 Venezuela 1983 Gold medal america FIBA Americas Championship: 1 Stati Uniti d’America 1992  ndividual
Hall of Fame Memorabilia di Jordan in mostra al Chicago History Museum. Membro del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame dal 2009
Incluso tra i 50 migliori giocatori del cinquantenario della NBA Premi NBA MVP della regular season: 5 1987-88, 1990-91, 1991-92, 1995-96, 1997-98
MVP delle finali: 6 1990-91, 1991-92, 1992-93, 1995-96, 1996-97, 1997-98 Difensore dell’anno: 1 987-88 Rookie dell’anno: 1 1984-85 Miglior marcatore NBA: 10 1986-87, 1987-88, 1988-89, 1989-90, 1990-91, 1991-92, 1992-93, 1995-96, 1996-97, 1997-98.

Nella mia vita ho sbagliato più di novemila tiri, ho perso quasi trecento partite, ventisei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l’ho sbagliato. Ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto Michael Jordan

Posso accettare la sconfitta, tutti falliscono in qualcosa. Ma non posso accettare di rinunciare a provarciMichael Jordan

Il talento fa vincere le partite, l’intelligenza e il lavoro di squadra fanno vincere un campionatoMichael Jordan

Il campo da basket per me, durante una partita, è il posto più pacifico che io possa immaginare. Sul campo da basket, non mi preoccupo di niente. Quando sono là, nessuno mi può disturbare. Quando entro in campo, non devo pensare a nient’altro. Se ho un problema al di fuori del basket, so che dopo aver giocato la mia mente sarà più lucida e potrò trovare una soluzione migliore. È come una terapia. Mi rilassa e mi permette di risolvere i problemi. Direi ai giocatori di rilassarsi e di non pensare a quello che c’è in palio. Di pensare solo alla partita di basket. Se inizi a pensare a chi vincerà il campionato, hai già perso la tua concentrazione. Ogni volta che mi sento stanco mentre mi sto esercitando e allenando, chiudo gli occhi per vedere quella foto, per vedere quella classifica con su scritto il mio nome. Questo di solito mi motiva a lavorare ancora.Michael Jordan

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"