giovedì, 24 maggio 2018
Home > Cultura > I Queen: tra i titani della musica

I Queen: tra i titani della musica

A distanza di 27 anni dalla morte del famoso front-man della band Farrokh Bulsara (Freddie Mercury), la musica dei Queen continua a riecheggiare nelle case, per le strade, nei locali…di ogni parte del mondo. I membri restanti della band: il batterista Roger Meddows-Taylor e il chitarrista Brian Harold May, a differenza del bassista John Deacon, che si è ritirato a vita privata nel 1997, continuano a suonare insieme al nuovo cantante Adam Lambert. Il loro Tour, che sta toccando molti Paesi, si concluderà il 6 marzo 2018 a Perth in Australia

Come tutto ebbe inizio:

Nel 1964 May fondò insieme a Tim Staffell i ”1984”, band che raggiunse un buon successo, tanto da aprire nel 1967 un concerto di Jimy Hendrix. Il gruppo partecipò, inoltre, ad un concerto di Natale con I Pink Floyd e i T.Rex. Dopo lo scioglimento dei ”1984”, May e Staffel durante gli anni del College decisero di fondare  gli ”Smile” alla quale prese parte, dopo un provino, il batterista Roger Taylor. La band aprì il concerto dei Pink Floyd nel 1968 e, nel 1969 firmò un accordo con una casa discografica per incidere le sue canzoni. Più tardi, Staffel presentò agli altri membri Farrokh, chiamato dagli amici Freddie che suonava con gli Ibex. Nello stesso anno la nuova band incise il suo primo singolo che, però, non ottenne il successo sperato e per questo Staffell abbandonò il gruppo. Successivamente Freddie decise di aggregarsi agli Smile; nel 1970 ad essi si aggiunse il bassista Mike Grose che abbandonò dopo poco tempo la formazione. Nel 1971 Taylor e May incontrarono John Deacon e gli offrirono il posto di bassista che venne subito accettato. Successivamente, decisero di cambiare il nome del gruppo e Freddie propose un nome semplice e facile da ricordare ”Queen”. Il nome venne accettato da tutti e il logo, che rappresenta i quattro segni zodiacali dei componenti del gruppo: i due leoni (Taylor e Deacon), un granchio (May) e due fate che rappresentano la vergine (Mercury), venne realizzato dallo stesso Freddie che aveva un diploma in grafica.

Risultati immagini per Queen

I maggiori successi:

Il primo album, con il quale raggiunsero la notorietà, fu Queen: i suoi brani più famosi sono Liar, Stone Cold Crazy e Keep Yourself Alive. 

Il secondo Queen II  scalò velocemente le classifiche grazie al brano Seven Seas of Rhye. Nel 1974 uscì Sheer Heart Attack e, nel 1975, A Night At the Opera contente Bohemian Rhapsody che rivoluzionò il mondo della musica.

Nel 1976 pubblicarono A Day at the Races e nel 1980 News of the World che conteneva i famosissimi brani We Will Rock You We Are The Champions 

Nel 1978 incisero Jazz, nel 1980 Flash Gordon. Di questo Record Mirror scrisse

“Un album di dimensioni realmente epiche che si guadagna cinque altrettanto epiche stellette di merito”.Robin Smith

Nello stesso anno pubblicarono The Game contenente canzoni come Crazy Little Thing Called Love e Another One Bites the Dust. Nel 1982 composero Hot Space al quale collaborò anche David Bowie con la canzone Under Pressure che, a differenza degli altri dischi non riscosse molto successo e così nel 1984 incisero The Works il cui nome deriva da un’esclamazione di Taylor che alle prime sessioni disse

”Let’s give them the works!”Roger Taylor
. Nel 1986 composero A Kind Of Magic, nel 1987 Freddie risultò positivo all’HIV ma continuò a cantare, infatti nel 1989 venne pubblicato The Miracle e nel 1991 Innuendo contente The Show Must Go On che parlava di Freddie che nonostante la malattia continuava a cantare e ad andare avanti.

I migliori live nella storia del rock:

I Queen vennero considerati una delle migliori band live a livello mondiale. Il maggiore successo lo ottennero nel 1985 durante il Live Aid, concerto tenutosi a Wembley, evento organizzato per raccogliere fondi e per alleviare la carestia in Europa.

Nel 1986 fecero la loro ultima apparizione con Freddie nel Magic Tour, concerto che ebbe molto successo infatti allo stadio Wembley dovettero concedere due date, l’11 e il 12 luglio. Il concerto passò alla storia con il nome Live at Wembley”.

Dalla morte di Mercury ad oggi

Dopo la morte di Freddie, i membri della Band decisero di organizzare un concerto tributo all’amico scomparso; l’evento si tenne nel 1992 a Wembley e aveva lo scopo di aiutare le associazioni che sostenevano la lotta all’HIV e vi parteciparono molti artisti tra i quali Robert Plant (Led Zeppelin), Axl Rose e Slash  (Guns n’Roses), Elton John, i Metallica, George Michael e tanti altri. I biglietti del concerto finirono nell’arco di poche ore. Dopo questo evento i tre membri restanti della band si esibirono con altri cantanti tra i quali Elton John e George Michael e dal 2004 al 2009 con Paul Rodgers e dal 2011 Taylor e May incominciarono a collaborare con Adam Lambert, una collaborazione che continua a tutt’oggi.

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"