domenica, 21 ottobre 2018
Home > Cultura > Cinema > Heath Ledger: 10 anni fa la scomparsa

Heath Ledger: 10 anni fa la scomparsa

Heath Ledger nacque il 4 aprile 1979 in Australia. A vent’anni venne scelto per interpretare nel film “10 cose che odio di te”, nel 2002 entra nel cast di “il destino di un cavaliere. Il successo arriva nel 2005, quando interpreta con re pellicole per le sale cinematografiche: “Casanova”, di Lasse Hallstrom; “I fratelli Grimm e l’incantevole strega”, con Matt Damon; e soprattutto “I segreti di Brokeback Mountain”. Tornato da una pausa nel 2007 (per la nascita di sua figlia) partecipa alla film biografia di Bob Dylan.

Durante il 2007 diventa anche ufficiale il suo inserimento ne Il cavaliere oscuro al fianco di Christian Bale, dove interpreta il Joker, personaggio già impersonato sul grande schermo nel 1989 da Jack Nicholson in “Batman” di Tim Burton. Raccogliere l’eredità è stato difficile ma il regista Christopher Nolan ha dichiarato di avere avuto piena fiducia nel giovane Ledger, attore “talentuoso e pronto alle sfide”, e di averlo scelto proprio perché questo sarebbe stato il suo primo ruolo da antagonista. Lo stesso Ledger definirà il rapporto tra Joker e Batman  “una relazione in cui l’uno non può vivere senza l’altro”. Heath Ledger per entrare meglio nel personaggio, stese 6 settimane nella suastanza d’albergo.L’attore era fan di Batman fin da bambino quindi sapeva i comportamenti del Joker e così ne trovo la voce più adeguata. Per Heath era il film più divertente che avesse mai interpretato. Secondo Jack Nicholson (che aveva interpretato l’ultimo Joker nel 1989) il Joker di Ledger era senza spirito. Alla fine del 2007 Heath Ledger conclude le riprese de Il cavaliere oscuro: incominciarono ad uscire filmati e foto del nuovo Joker che venne molto apprezzato dalla community. Tuttavia (purtroppo) il 22 Gennaio 2008 prima dell’uscita del “Cavaliere Oscuro” il corpo dell’attore venne trovato senza vita nella sua stanza d’hotel per un arresto cardiaco. Nel 2009 vinse da postumo il premio Oscar per miglior attore non protagonista per la sua grandissima interpretazione di Joker.

Gran parte della sua performance era imprevedibile e penso che volesse mettere le carte in tavola. Quindi mi ha rivelato un po’ alla volta la sua voce e il suo metodo di lavoro, non tutto in una volta, del tipo Oh, ecco Joker lo abbiamo visto sviluppare il personaggio con il guardaroba e il trucco ed io ero parte di quel processo creativo, che è stato molto divertente. Ma sul set c’erano sempre momenti in cui applaudiva o qualcosa che avrebbe fatto con la sua voce. Era così imprevedibile. Ha creato questo tono bizzarro. Da allora ho visto diverse persone provare ad imitarlo. Ma non sapevamo mai se sarebbe andato in alto o in basso. Non sapevo mai cosa avrebbe fatto quel ragazzo e questo suo aspetto era spaventoso. Ero molto orgoglioso di aver lavorato con questo grande artista e della sua eredità. Era una persona e un attore straordinario. Ed essere riconosciuto in quel modo penso che significasse molto per la sua famiglia e per la storia del cinema.Christopher Nolan

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"