venerdì, 20 luglio 2018
Home > Attualità > Grammy Awards 2017: Adele vince 5 premi

Grammy Awards 2017: Adele vince 5 premi

Domenica 12 Febbraio si è svolta allo Staples Center di Los Angeles la cinquantanovesima edizione della cerimonia di consegna dei Grammy Awards, trasmessa in diretta dell’ente televisiva statunitense “CBS”. I Grammy (statuette d’oro di grammofoni) sin dal 1959, anno in cui sono stati istituiti, hanno sempre rivestito un ruolo fondamentale nell’ambito musicale, dapprima statunitense e poi mondiale, fino ad arrivare negli ultimi decenni ad essere universalmente considerati come i premi Oscar nel mondo del cinema. La magica notte dei Grammy è aperta da un’altrettanto magica performance della cantante di nazionalità inglese Adele, che ha eseguito magnificamente la sua hit del 2016 “Hello”. Nel corso dello show Adele farà parlare di sè, quando,nel bel mezzo di una performance dedicata a George Micheal, scusandosi ripetutamente per avere detto una parolaccia in diretta, chiede di ricominciare l’esibizione in onore del defunto artista. Ma tralasciando questo errore, che sicuramente non è stato gestito dalla cantante nel migliore dei modi, è stata una serata memorabile per Adele. La cantante, infatti, ha totalizzato una vincita di ben 5 grammy ed è stata l’artista più premiata della serata.

Fonte e link video

Fonte e link video

We fu**ing adore you! (ti adoriamo ca**o!)Adele riferendosi a Beyoncè

Inoltre, durante il discorso di accettazione del premio per migliore album dell’anno, Adele, visibilmente commossa, esprime con queste parole tutta la sua ammirazione per Beyoncè, anche lei emozionatissima nel sentire tali parole da una apparente “rivale” in musica, ma grande amica nella realtà.

Alla prima performance della serata segue la bizzarra entrata sul palco del conduttore dello show James Corden, anche da lui di nazionalità inglese. Corden a causa di diversi inconvenienti tecnici (ovviamente previsti dalla scaletta dello show) cade rovinosamente dalla rampa di scale che conduce al centro del palco ed interrompe bruscamente la coreografia per dare il benvenuto ai presenti. Ciò che ha di più sorpreso l’audience in sala è stata l’originalità con cui il coduttore dello spettacolo ha introdotto “rappando” a sorpresa la scaletta della serata con un freestyle, commemorando anche le numerose e recenti perdite nel mondo della musica di artisti come Prince, George Micheal e David Bowie (che ha vinto due premi postumi).

Fonte e link video

A seguire sale sul palco la bellissima Jennifer Lopez, alla quale è affidato l’arduo compito di aprire la cerimonia della consegna dei premi e di dichiarare  il vincitore della categoria “Best New Artist”. Tra i cinque nominati riesce ad accaparrarsi il Grammy Chance The Rapper, un rapper emergente che nel 2016 si è fatto conoscere sia in America che all’estero per la pubblicazione del suo album “Coloring Book”, all’interno del quale si trovano collaborazioni musicali con artisti di fama internazionale come Justin Bieber, Kanye West, Lil Wayne, 2 Chainz, Jeremih, Future ed altri. Il cantante nel corso della serata ha vinto due Grammy, uno, appunto come “Best new artist” ed un altro per la categoria “Best rap album”. Così Chance The Rapper ha dimostrato al mondo intero di essere la vera rivelazione della serata e di avere tutte le carte in regola per vincere, nel corso della sua futura carriera da rapper, altri importanti riconoscimenti per la sua musica.

Fonte e link video

Nel complesso la serata dei Grammy Awards 2017 è stata piena di emozioni ed ha smentito in pieno la credenza comune secondo cui, col passare degli anni, la cerimonie di consegna di riconoscimenti come questi hanno sempre meno importanza.

Di seguito l’elenco completo dei vincitori nelle varie categorie:

Album of the Year: 25, Adele
Record of the Year: Hello Adele
Song of the Year: Hello, Adele
Best Rap Album: The Coloring Book, Chance the Rapper
Best Urban Contemporary Album: Lemonade, Beyonce
Best Country Solo Performance: My Church, Maren Morris
Best Rock Song: Blackstar, David Bowie
Best Pop Duo/Group Performance: Stressed Out, Twenty One Pilots
Best New Artist: Chance the Rapper
Best Pop Solo Performance: Hello, Adele
Best Traditional Pop Vocal Album: Summertime: Willie Nelson Sings Gershwin, Willie Nelson
Best Pop Vocal Album: 25, Adele
Best Dance Recording: Don’t Let Me Down, The Chainsmokers Featuring Daya
Best Dance/Electronic Album: Skin, Flume
Best Contemporary Instrumental Album: Culcha Vulcha, Snarky Puppy
Best Rock Performance: Blackstar, David Bowie
Best Metal Performance: Dystopia, Megadeth
Best Rock Album: Tell Me I’m Pretty, Cage the Elephant
Best Alternative Music Album: Blackstar, David Bowie
Best R&B Performance: Cranes in the Sky, Solange
Best Traditional R&B Performance: Angel, Lalah Hathaway
Best R&B Song: Lake By the Ocean, Hod David & Musze, songwriters (Maxwell)
Best R&B Album: Lalah Hathaway Live, Lalah Hathaway
Best Rap Performance: No Problem, Chance the Rapper Featuring Lil Wayne & 2 Chainz
Best Rap/Sung Performance: Hotline Bling, Drake
Best Rap Song: Hotline Bling, Aubrey Graham & Paul Jefferies, songwriters (Drake)
Best Latin Pop Album: Jesse & Joy, Un Besito Mas
Best Country Album: Sturgill Simpson, A Sailor’s Guide to Earth
Best Country Song: Tim McGraw, Humble and Kind
Best Country Duo/Group Performance: Pentatonix, Jolene (feat. Dolly Parton)
Best Roots Gospel Album: Joey+Rory, Hymns
Best Large Jazz Ensemble Album: Ted Nash Big Band, Presidential Suite: Eight Variations on Freedom
Best Jazz Instrumental Album: John Scofield, Country for Old Men
Best Jazz Vocal Album: Gregory Porter, Take Me to the Alley
Best Improvised Jazz Solo: John Scofield, I’m So Lonesome I Could Cry
Best Chamber Music/Small Ensemble Performance: Third Coast Percussion, Steve Reich
Best Dance Recording: The Chainsmokers, Don’t Let Me Down (feat. Daya)
Best New Age Album: White Sun, White Sun II
Best Gospel Performance/Song: Tamela Mann, God Provides
Best Contemporary Christian Music Performance/Song: Hillary Scott & The Scott Family, Thy Will
Best Gospel Album: Kirk Franklin, Losing My Religion
Best Contemporary Christian Music Album: Hillary Scott & The Scott Family, Love Remains
Best World Music Album: Yo-Yo Ma and The Silk Road Ensemble, Sing Me Home
Best Children’s Album: Secret Agent 23 Skidoo, Infinity Plus One
Best Spoken Word Album: Carol Burnett, In Such Good Company: Eleven Years Of Laughter, Mayhem and Fun in the Sandbox
Best Musical Theater Album: The Color Purple
Best Compilation Soundtrack for Visual Media: Miles Ahead
Best Score Soundtrack for Visual Media: John Williams, Star Wars: The Force Awakens
Best Song Written for Visual Media: Justin Timberlake, Can’t Stop the Feeling!
Best Instrumental Composition: Ted Nash, Spoken at Midnight
Best Arrangement, Instrumental or A Cappella: Jacob Collier, You and I
Best Arrangement, Instruments and Vocals: Jacob Collier, Flintstones
Best Recording Package: David Bowie, Blackstar
Best Boxed or Special Limited Edition Package: Edith Piaf, Edith Piaf 1915-2015
Best Album Notes: Eubie Blake and Noble Sissle, Sissle and Blake Sing Shuffle Along
Best Historical Album: Bob Dylan, The Cutting Edge 1965-1966: The Bootleg Series, Vol.12 (Collector’s Edition)
Best Engineered Album, Non-Classical: David Bowie, Blackstar
Best Remixed Recording: Bob Moses, Tearing Me Up (RAC Remix)
Best Surround Sound Album: Ludovic Morlot & Seattle Symphony, Dutilleux: Sur Le Même Accord; Les Citations; Mystère De L’instant & Timbres, Espace, Mouvement
Best Engineered Album, Classical: Mark Donahue and Fred Vogler, Corigliano: The Ghosts of Versailles
Producer of the Year, Classical: David Frost
Best Orchestral Performance: Boston Symphony Orchestra, Shostakovich: Under Stalin’s Shadow – Symphonies Nos. 5, 8 & 9
Best Music Video: Beyoncé, Formation
Best Music Film: The Beatles, The Beatles: Eight Days a Week the Touring Years
MusiCares Person of the Year: Tom Petty

LINK FONTE ELENCO
Salvatore Fabio
17 anni. Studente presso il liceo Sciascia Fermi, indirizzo linguistico. Instagram: @salvatorefabios

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"