domenica, 25 febbraio 2018
Home > Scienza e tecnologia > Psicologia > Diverse personalità, un corpo solo.

Diverse personalità, un corpo solo.

È possibile che personalità distinte, con talenti e difetti diversi, convivano nello stesso corpo ?

SI, è una disturbo mentale noto come disturbo dissociativo dell’identità (DDI o DID) oppure, più semplicemente, disturbo di personalità multipla.

Come si capisce dalla prima definizione è un disturbo legato alla dissociazione; quest’ultima è una sorta di reazione difensiva del soggetto che, seguendo diversi gradi di gravità, risponde a situazioni di stress elevato, separando da sé,ad esempio, la parte emotiva legata ad un evento da quella cognitiva, per evitare di provare emozioni destabilizzanti riportando alla mente determinati ricordi. Si ritrovano, quindi, tra le cause di questo disturbo situazioni di stress estremo, ma anche traumi precedenti – tra cui abusi infantili – nutrizione inadeguata durante l’infanzia oltre che un’innata predisposizione, di determinati soggetti, a dissociare ricordi ed esperienze vissute.

Gli abusi subiti durante l’infanzia sono considerati tra le cause che possono scatenare il DDI

Molto spesso nei pazienti che soffrono di questo particolare disturbo si riscontra la presenza anche di fughe dissociative, depersonalizzazione e amnesia. Le persone affette da DDI, infatti, perdono spesso la cognizione del tempo mentre acquistano una sensazione di vera e propria estraneità rispetto al proprio corpo.

Nonostante il disturbo dissociativo d’identità abbia affascinato,nel corso dei anni numerosi intellettuali, scrittori e registi (Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde, Gollum- Il Signore degli Anelli, Split), allo stato attuale rimane una patologia poco conosciuta a causa della sua estrema rarità. Solo a partire dagli anni 80′- 90′ si sono iniziate ad individuare alcune caratteristiche ricorrenti nei pazienti affetti da DDI e che si possono riassumere in 3 punti:

—  Presenza di due o più identità distinte,scambiata in diverse culture con la possessione demoniaca;

— Forte compromissione della continuità del senso di Sé, accompagnata da alterazioni negli affetti, nei comportamenti, nella coscienza, nella memoria, nella percezione, nella cognizione e nelle funzioni senso-motorie. Queste alterazioni possono essere auto-riferite o riportate da terzi;

— Lacune ricorrenti nel richiamo di eventi quotidiani, di informazioni personali importanti e di eventi traumatici;

L’amnesia è una delle disfunzioni che possono coesistere con la DDI

Tra i casi più importanti ed emblematici,riportati sia nella storia della medicina che in quella giudiziaria, di persone affette dal disturbo dissociativo dell’identità non può non figurare quello di Billy Milligan (William Stanley Milligan). Dopo un’infanzia all’insegna di violenze e abusi da parte del patrigno, Billy iniziò a manifestare una forma particolarmente rara del DDI, infatti la sua personalità si spezzò in 23 identità diverse, sia per talenti sia per età e addirittura per accento. Il disturbo portò l’uomo dalle 24 personalità a commettere rapimenti e stupri in seguito ai quali fu arrestato e processato. il risultato del processo fu che venne giudicato “non colpevole per infermità mentale” (1° caso nella storia giudiziaria statunitense). La patologia di Billy causò un interesse generale che portò a studiare approfonditamente il soggetto e a far emergere la 24° personalità: il MAESTRO (la sintesi di tutte le personalità). È stato grazie al Billy-Maestro che gli scienziati sono riusciti a fare alcuni passi avanti verso la scoperta dei meccanismi che regolano questo misterioso disturbo e gran parte dei risultati sono stati trascritti in un libro di Daniel Keyes, che rende bene l’idea dell’argomento trattato, intitolato” Una stanza piena di gente”.

Foto di Billy (William) Milligan

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"