Home > Cultura > Storia

Razzismo e Shoah

Per razzismo si intende il concetto di superiorità di una razza su un'altra, ma questa è un' idea completamente errata, poiché è impossibile suddividere la specie umana in razze distinte, con diverse capacità intellettive o con diversi valori morali. L'etimologia di tale parola viene fatta risalire all'unione dai termini latini ratio, con il significato

CONTINUA A LEGGERE

Clitennestra: da vittima a colpevole

Clitennestra è una figura della mitologia greca, figlia del re spartano Tindaro e di Leda. Il suo personaggio verrà rappresentato in molteplici tragedie di Eschilo, Sofocle ed Euripide.  È la storia della dinastia degli Atridi che viene narrata in tali tragedie e di cui Clitennestra è una dei personaggi principali. La

CONTINUA A LEGGERE

Il cinema si impegna a ricordare: la shoah nella settima arte

La prima metà del '900 è stata un periodo disastroso per l'umanità. Guerre e persecuzioni si abbatterono sul territorio mondiale. Una delle persecuzioni più tragiche e violente della storia del mondo avvenne proprio in questo secolo e fu quella causata dalla tragica piaga del nazismo nei confronti degli Ebrei. Tale

CONTINUA A LEGGERE

L’importanza del Bushido nella Seconda Guerra Mondiale

Per secoli il popolo giapponese si è attenuto ad un codice di condotta, e allo stesso tempo modo di vivere, chiamato "Bushido", che letteralmente significa "via del guerriero". Il Bushido è un concetto molto simile a quelli che erano il  mos maiorum romano e la cavalleria medievale; anticamente era lo stile di

CONTINUA A LEGGERE

Il Riccardo III Shakespeariano: ritratto di un sovrano arrivista e spietato

The Life and Death of King Richard III, noto in Italia come "Riccardo III", è una delle opere teatrali più importanti del poeta e drammaturgo inglese William Shakespeare ed è l'ultima delle quattro opere teatrali del Bardo che hanno come oggetto la storia inglese. Quest'opera segue alcune vicende storiche precedenti

CONTINUA A LEGGERE

La figura psicologica di Giacomo Casanova, un bisogno d’affetto celato dietro un’apparente sicurezza.

Giacomo Casanova (Venezia, 2 aprile 1725 – Duchov, 4 giugno 1798) è stato da sempre una figura analizzata ed anche riprodotta in vari film, serie tv e libri, per la sua fama di seduttore e "rubacuori" nella Venezia del 700'. Ma cosa lo spinge a diventare così ossessionato dall'amore fisico per

CONTINUA A LEGGERE

La Grecia antica: ritratto del traviamento

È certamente indubbio il fatto che noi occidentali dobbiamo molto alla civiltà ed alla cultura greche, che hanno lasciato una traccia profonda e per molti versi positiva anche in Italia, consentendoci di evitare la freddezza e il disordine dei paesi nordeuropei spesso nascosto sotto un'alone di falso progresso . Inoltre

CONTINUA A LEGGERE

Le Ideologie hanno ucciso se stesse?

Il Novecento è stato un secolo ricco di avvenimenti sia positivi che negativi caratterizzati tutte da un'attenzione quasi filosofica rivolta ai problemi sociali ed economici: è stato il secolo che ha ereditato dal suo predecessore una grande fetta di pensiero politico e che ha messo in pratica, con risultati fondamentalmente

CONTINUA A LEGGERE

La peste del 430 a.C., un’epidemia destinata a segnare il declino di Atene

Nel corso della storia uno dei principali fattori del calo demografico di una popolazione era l'insorgere di spaventose pestilenze, il numero di vittime aumentava, la diffusione dell'epidemia impediva ogni possibilità di estinguerla. Nemici silenziosi e invisibili che mietevano migliaia di vittime senza possibilità di fuga; chi riusciva a evitare il

CONTINUA A LEGGERE

Le pietre d’inciampo (e di ricordo) di Demnig: la carta d’identità di chi ne è stato privato

Da ben 23 anni l'artista tedesco Gunter Demnig porta avanti in tutta Europa una missione umanitaria altamente significativa: quella di piantare le cosiddette "pietre d'inciampo" (stolpersteine), targhe di ottone a forma quadrata, nel selciato delle vie delle abitazioni di coloro che, durante la Seconda Guerra Mondiale, furono vittime dell'Olocausto. Un gesto

CONTINUA A LEGGERE

“La memoria è un vaccino contro l’indifferenza”, Liliana Segre nominata senatrice a vita

Nel corso della storia essere un ebreo non è mai stato facile. Perseguitati sin dai tempi dell'Impero romano non hanno mai avuto un posto nel mondo. Lo sa bene Liliana Segre che a partire del 1938, anno dell'emanazione delle leggi razziali, si è vista togliere con forza una vita normale. Il

CONTINUA A LEGGERE