giovedì, 24 maggio 2018
Home > Attualità > Accade in Italia > Berlusconi: l’uomo più amato d’Italia

Berlusconi: l’uomo più amato d’Italia

Berlusconi è indubbiamente l’uomo più discusso dell’ultimo ventennio in Italia sia dal punto di vista politico sia sportivo cerchiamo di rivivere la sua “vita”

La storia di Berlusconi inizia a Milano nel lontano 1936, figlio di un bancario (Luigi Berlusconi) e di una casalinga (Rosa Bossi). Da giovane a tempo perso, vende spazzole elettriche porta a porta, fa il fotografo e suona il basso. Nel 1957 comincia a lavorare nelle immobiliare costruzioni. Nel 1961 si laurea in legge con 110 e lode. Nel 1963 entra nel mondo dell’edilizia fondando la Cantieri Riuniti Milanesi. Nel 1972 acquista il terreno ad Arcore dove costruirà la sua dimora personale “Villa San Martino”. Nel 1975 fonda la fininvest. E nel 1984 compra Italia 1 e rete 4 entrando in diretta concorrenza con la Rai, inizialmente ebbe alcuni problemi per la interconnessione di più canali ma con il decreto Berlusconi legalizzò la situazione.

Nel 1986 Silvio Berlusconi acquista il Milan, il neopresidente ringiovanisce l’organico ed inizia a porre le basi per un ciclo vincente. Con lui il milan vivrà i suoi momenti di gloria infatti la presidenza di Berlusconi sarà una delle più vincenti della storia con 2 Coppe intercontinentali (1989 e 1990) 1 Coppa del Mondo Fifa per Club (2007) 5 Coppe dei Campioni/Champions League (1989, 1990, 1994, 2003, 2007) 5 Supercoppe Europee (1989, 1990, 1995, 2003, 2007)I trofei italiani sono invece 15
8 scudetti (1988, 1992, 1993, 1994, 1996, 1999, 2004, 2011) 1 Coppa Italia (2003) 6 Supercoppe di Lega (1989, 1992, 1993, 1994, 2004, 2011).Inoltre 7 giocatori del club in questo trentennio hanno portato a casa anche il palloni d’oro: (Gullit 1987; Van Basten 1988, 1989, 1992; Weah 1995; Shevchenko 2003; Kakà 2007). Ma anche i sogni più belli finiscono:

Di questi trent’anni mi rimarranno nel cuore ricordi straordinari, senza uguali: ho avuto il privilegio di guidare la squadra che amo fino a farla diventare il club più titolato al mondo. Ricordo e ringrazio i grandi giocatori, allenatori e dirigenti che si sono succeduti: molti di loro faranno per sempre parte della leggenda del calcio, quella leggenda che abbiamo contribuito a scrivere con vittorie straordinarie in Italia, in Europa e nel Mondo. Ma soprattutto non dimenticherò mai la partecipazione e l’affetto dei tifosi: la passione di milioni di persone per i colori rossoneri è stata determinante per rendere questa squadra speciale, diversa da tutte le altre, più forte di tutte le altre, più forte dell’invidia, più forte dell’ingiustizia, più forte della sfortuna. Con loro sarò sugli spalti ad esultare e magari a soffrire: ma sono certo che presto festeggeremo insieme i nuovi grandi successi con i quali il Milan saprà onorare la sua grande tradizione. Un abbraccio forte e rossonero a ciascuno di voiSilvio Berlusconi

Berlusconi dal punto di vista politico o lo ami o lo odi, non ci sono compromessi, tuttavia dal punto di vista umano molto spesso viene preso come punto di riferimento da molti è per questo è molto apprezzato.

Lascia un commento

Siamo lieti che vogliate arricchire i contenuti di quest'articolo con eventuali commenti.
Per favore, considerate che i commenti saranno moderati in base a quanto indicato nella nostra comment policy.


L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

News & Opinion Magazine del Liceo "Sciascia Fermi"